Luoghi, Verità, Noi Stessi

0
Luoghi, Verità, Noi Stessi

We are born as brutes, we remain and die as the same if we do not become polished. Some are too coarse to take it. The main base of education is one’s “self-respect”. Any one lacking self-respect cannot be educated. The main bases of self-respect is the willingness to learn, to do only the things that are good and right, to believe only in the things that can be proved, to possess appreciation and self control.

Now, if you lack willingness to learn, you will remain as a brute and if you do things that are not good and right, you will be a low person, and if you believe in things that cannot be proved, any feeble minded person can lead you, and if you lack appreciation, it takes away the incentive for good doing and if you lack self control you will never know the limit. So all those lacking these characteristics in their makeup are not educated.

Ed Leedskalnin

Chiudi tutte le tab aperte, e ne lascii solo una. Un foglio bianco, con la voglia di riempirlo. Di pensieri, di parole, tutte quelle parole che vorresti dire ma che per paura, per pigrizia o per mancanza di tempo, non dici mai.

Il cuore è pieno di sentimenti, forse a volte non sai neanche tu quali siano questi sentimenti. Provi a cercare fuori ma non trovi niente. Provi a cercare dentro di te, ma non è semplicissimo.

Il cuore prova a parlare, ma la tua mente lo blocca. Non ha voglia di stare a sentire quello che ha da dire. Il cuore parla di verità, ma la paura ti blocca e non ti permette di sentirle. Anzi, non permette al cuore di parlare.

Quali verità? Ti chiederai.. Beh, tante verità che vuoi tenere nascoste anche a te stesso. Freud le chiamava inconscio, e parlava soltanto di sesso. Ma probabilmente c’è ben altro che il sesso. Probabilmente sono verità talmente brutali che se le capiresti avresti una concezione talmente nuova di te, da cambiare radicalmente.

Ascoltando la verità capiresti che sei una persona diversa da quella che gli altri ti hanno fatto credere. E’ bello buttare via tutto ciò che pensiamo di noi stessi, per capire quello che veramente siamo. Le nostre vere potenzialità sono infinite. Siamo stati creati a immagine della perfezione. Ma non siamo perfetti, e non lo saremmo mai.

Arrivare a comprendere una piccola parte di quella nostra perfezione, che nostra non è ma che ci è stata donata, ci renderebbe invincibili. Capaci di amare incondizionatamente, intorno ad un mondo che ci infonde paura. Paura di perdere il lavoro, paura di non essere all’altezza.

Paura di ogni parola che può uscire dalla nostra bocca, dal nostro cuore. Ma che non osiamo dire.

Siamo ipocriti, o solamente fifoni? L’ipocrisia è un concetto così ampio che a volte non si riesce a mandarlo giù. Non si riesce a dire che noi siamo ipocriti, e ci ostiniamo a pensare che ipocriti siano gli altri.

Sfido un politico che vediamo ogni giorno in TV a dire che è ipocrita. Anche solo a se stesso. Per lui si sta comportando bene, e in conformità con i suoi valori. Non ammetterà mai che sta rubando. Nemmeno a se stesso.

Beh, spesso si pensa agli altri, a ciò che si ha attorno. Senza pensare a noi stessi, e a come migliorare noi stessi più che gli altri intorno a noi.

Il miglioramento è un processo continuo, che ha bisogno di essere sviluppato giorno dopo giorno. Altrimenti restiamo bestie, come siamo nati. Leedskalkin diceva bene, nonostante forse i suoi pensieri volevano aprirci a realtà diverse da quello che comunicavano.

Ma credo che la risposta ad ogni nostra domanda sia spesso dentro noi stessi. Avere la consapevolezza di quello che realmente siamo, può aprire la strada verso nuovi universi. Mostrarci l’infinito, e con esso l’infinitesimamente piccolo, la parte più piccola di noi stessi, che insieme a tutte le altre microparticelle che compongono la realtà che viviamo ci unisce in un’unità, nell’Uno di cui tutti parlano, ma che ben pochi realmente conoscono.

“A Place” parla proprio di questo, dell’infinità dentro noi stessi, che ci apre alla verità, e all’unione con quell’Uno che ha creato tutto, e che muove l’universo intero con la sua saggezza e con il nostro aiuto, che muoviamo le cose intorno a noi secondo la logica più saggia, e secondo una matematica razionalmente perfetta e apparentemente caotica e illogica.

Leave a Reply

Name
Name*
Email
Email *
Website
Website